Facciamo Ripartire il Cuore ONLUS per la diffusione della Cardioprotezione Lorenzo Marcucci - Youtube

MusicaperilCuoreINSIEME PER ASCOLTARE… MUSICA PER IL CUORE

Il Comitato partecipa, il 7 dicembre, ore 20.00, Conservatorio di Santa Cecilia, a “Musica per il Cuore”, organizzata da “Insieme per il Cuore Onlus”.

Rossella Lorenzotti, presidente del Comitato Facciamo ripartire il cuore” Onlus - Lorenzo Marcucci,  parteciperà, sabato 7 dicembre 2013, alla manifestazione Musica per il Cuore promossa dal prof. Giuliano Altamura, presidente dell’Associazione “Insieme per il Cuore - Onlus” e direttore del reparto di cardiologia dell’ospedale Sandro Pertini di Roma.

 

 

L’appuntamento è al Conservatorio di Santa Cecilia, Roma, via dei Greci n. 18, alle ore 20.00. Suoneranno, per “Hart Jazz : auguri in musica - Jobim e dintorni”, Danilo Rea (pianoforte), Fabio Zeppetella (chitarra), Ares Tavolazzi (contrabbasso), Ellade Bandini (batteria), avvicinando il jazz alla Bossa Nova.

Il concerto sarà preceduto da interventi di Giuliano Altamura e Rossella Lorenzotti, sul tema “L’arresto cardiaco, se lo conosci ti salvi”, seguiti dalla proiezione di filmati realizzati per l’associazione “Insieme per il Cuore - Onlus” da Ovidio Assonitis, Pupi Avati, Enrico Vanzina, Marco Godana, curata da Stefano Schiara.

Dalle 18.00 si potrà visitare la mostra allestita dall’Associazione Romana Acquarellisti che devolverà metà del ricavato dalle vendite dei quadri per finanziare le iniziative di “Insieme per il Cuore - Onlus”.

La collaborazione fra il Comitato “Facciamo ripartire il cuore” Onlus - Lorenzo Marcucci e l’Associazione “Insieme per il Cuore - Onlus”, per informare sull’arresto cardiaco improvviso (70 mila vittime di tutte le età ogni anno in Italia) e prevenirne le conseguenze, è ormai consolidata. In particolare “Insieme per il Cuore - Onlus” organizza per “Facciamo ripartire il cuore” Onlus - Lorenzo Marcucci i corsi di abilitazione all’uso dei defibrillatori semiautomatici che il Comitato acquista con il generoso contributo dei cittadini e poi dona dove ce n’è più bisogno (impianti sportivi, scuole, locali di spettacolo, luoghi ad alta frequentazione, ecc.)